Categorie

effetti ormone relaxina parto

Il ruolo dell’ormone relaxina

Nella donna, la produzione dell’ormone relaxina è affidata al corpo luteo, una ghiandola endocrina che si sviluppa sull’ovaio a seguito dell’espulsione dell’ovocita, durante la fase lutenica del ciclo mestruale.

 

Nel periodo di gravidanza, questo ormone viene secreto anche dalla placenta. Negli uomini, invece, l’ormone relaxina è secreto dalla ghiandola prostatica; a volte, questo ormone può essere presente anche nello sperma, mentre è generalmente assente dalla circolazione sanguigna.

 

Sebbene la scienza medica sia in costante ricerca sugli effetti di quest’ormone, il ruolo che questo svolge negli uomini non è ancora ben definito.
Conoscenza più profonda si ha invece riguardo il ruolo di questo ormone nella donna, essendo questo fondamentale durante la gravidanza.

 

Il fondamentale ruolo dell’ormone relaxina durante la gravidanza

Gli effetti del rilascio di questo ormone si rendono ben manifesti durante il ciclo mestruale e la gravidanza.

 

I livelli di relaxina, difatti, aumentano dopo l’ovulazione, ossia durante la seconda metà del ciclo mestruale.

 

In questo momento, l’organismo si trova impegnato a rilassare le pareti uterine inibendo le contrazioni, oltre che preparare il rivestimento dell’utero per la gravidanza. Nel caso in cui la gravidanza non ha luogo, i livelli di relaxina tornano a calare, ritornando quelli che precedevano la fase di ovulazione.
Per quanto riguarda lo stato di gravidanza, i livelli di relaxina sono massimi durante il primo trimestre.

 

È stato evidenziato come questo ormone giochi un ruolo importante affinché il feto venga correttamente impiantato sulle pareti uterine.
Il rilascio dell’ormone relaxina svolge anche un ruolo di regolazione nei sistemi cardiovascolari e renali della madre, per aiutarli ad adattarsi in modo ottimale all’aumentare della domanda di ossigeno e di nutrienti richiesti per lo sviluppo del feto. Questo è dovuto al rilassamento dei vasi sanguigni della madre, col conseguente aumento del flusso sanguigno presso la placenta ed i reni.Verso la fine della gravidanza la relaxina favorisce la rottura delle membrane che avvolgono il feto.

 

Sempre negli ultimi stadi di gravidanza, al fine di favorire il processo del parto l’ormone della relaxina favorisce la crescita e l’apertura della cervice e della vagina.

 

Infine, in preparazione al parto, tutti gli effetti suesposti di rilassamento prodotti da questo ormone convergono per preparare il corpo della madre alla nascita. Spingere il bambino durante un parto naturale è infatti possibile solo grazie alla flessibilità che i muscoli pelvici acquisiscono grazie a questo ormone.

 

Disagi e dolori dovuti al rilassamento della cintura pelvica

Da quanto abbiamo visto, l’ormone relaxina svolge un ruolo fondamentale durante la gravidanza. Eppure, questo al contempo può innescare altri effetti, che possono portare a piccoli disagi o problemi alla salute.

 

I disagi più importanti interessano la cintura pelvica. L’intera cintura è infatti sottoposta ad un carico crescente durante la gravidanza, e sono proprio i dolori alla cintura pelvica ad essere tra i più diffusi nelle donne in gravidanza. Per “cintura pelvica” si intende la struttura ossea che sostiene gambe, articolazioni dell’anca e le altre articolazioni circostanti.

La causa dei dolori alla cintura pelvica è sostanzialmente da imputare ai cambiamenti che avvengono per effetto dell’ormone relaxina.
La relaxina ed altri ormoni secreti nel periodo di gravidanza, infatti, provocano l’allentamento dei legamenti e l’indebolimento dei tessuti connettivi, entrambi fattori di causa del dolore alle articolazioni pelviche. Vengono interessati anche i legamenti spinali, che possono portare – oltre a dolore – a perdite di equilibrio.
Per la madre è necessario, quindi, prestare attenzione alla propria postura, essendo più suscettibile a problemi alla schiena.