Che cosa aspettarsi dal digiuno risolutivo per la prostata


Ulteriori informazioni sul digiuno risolutivo

Alcune persone rifiutano a priori l’idea del digiuno, temendo che significhi morire di fame e trascinarsi senza forze per tutto il giorno. Questo potrebbe essere vero per altri tipi di digiuno, ma non per questo, anzi starete benissimo e godrete di energie superiori al solito. Potreste però provare un certo disagio durante i primi tre giorni, quando le tossine e i parassiti cominciano a staccarsi dai tessuti e a defluire dal corpo. È improbabile – non mi è mai capitato durante i molti digiuni che ho effettuato – ma è possibile che soffriate di debolezza, capogiri, desiderio di vomitare e forti dolori articolari.
Se vi sentite male, ricordatevi che ne sono responsabili le tossine e non la limonata; sappiate che si tratta di problemi temporanei e siate contenti ricordandovi che state eliminando queste sostanze nocive. Se sono così potenti da provocare una crisi durante la guarigione, cosa farebbero se restassero indisturbate nell’organismo? Se provate qualche difficoltà durante il digiuno, non preoccupatevi. Concedetevi un po’ di riposo in più, se necessario. Fate ginnastica, di preferenza all’aperto, e, se possibile, fatevi massaggiare ogni giorno. Ricordatevi: alla fine ne sarà valsa ampiamente la pena. In generale, comunque, durante il digiuno vi sentirete in buona salute e pieni di energia, liberati dalle tossine e dai parassiti che vi infestavano. Molte persone che intendevano digiunare solo per due o tre giorni si sono sentite così bene da decidere di continuare per l’intero periodo di otto giorni o anche più.
Durante la pratica dovreste liberare l’intestino due o tre volte al giorno, con la principale eliminazione al mattino, entro un’ora dall’assunzione dell’acqua salata. Durante questo periodo non fate nessun clistere, né prendete altri purganti, poiché il preparato di acqua e sale pulisce più a fondo e con maggiore dolcezza. (Personalmente però preferisco procedere a due o tre pulizie professionali del colon per verificare l’efficacia della bevanda).
A partire dal secondo giorno di digiuno dovreste fissare nel water un colino di plastica bianca per poter ispezionare le feci. I fluidi passeranno dai fori, mentre le parti solide saranno trattenute. Rovistando con un abbassalingua, vedrete:

• un gel – la bentonite. Spesso assume la forma di feci sane, di 3 o 5 cm di diametro;
parassiti vivi o morti, da tenie lunghe 60 o 90 cm a vermi così piccoli che si vedono appena (altri ancora sono microrganismi identificabili soltanto al microscopio);
materie biancastre o beige simili a frammenti di guscio d’uovo. Questa è la placca staccata dalle pareti del colon; e sostanze cordiformi, spesse circa 2 cm e lunghe da 30 a 60 cm. Assomigliano davvero più a corde che a normali feci; si tratta di un composto di scarti vecchi e putrefatti che non sono mai stati evacuati e che si erano incollati al rivestimento interno del colon;
materiali neri di ogni forma e dimensione, alcuni inclusi nelle sostanze cordiformi, altri separati. Sono altre scorie residue; più sono scure, più sono di vecchia data;
globuli ovali mescolati al gel e alle sostanze a corda; si tratta di muco in eccesso e/o di parassiti morti.

COME INTERROMPERE IL DIGIUNO

È fondamentale interrompere dolcemente la dieta alla limonata, anzi, questo è considerato importante quanto il digiuno stesso. Invece di passare di colpo dall’assunzione di soli liquidi a un’alimentazione regolare, dovete reintrodurre gradualmente gli alimenti solidi per consentire all’apparato digerente di riabituarsi senza traumi.
Il nomo giorno del programma, cioè il primo giorno dopo il digiuno, continuate a prendere le capsule di Clear e bevete lentamente spremute fresche d’arancia per tutta la mattinata, o, se volete, per tutto il giorno. A pranzo, consiglio zuppa di verdura fresca, riso integrale e magari un’insalata senza condimento. Per una cena leggera, all’inizio della serata, verdure appena cotte con un po’ di pesce o pollo. Prima di andare a letto, prendete una o più capsule di Experience, assicurandovi che siano trascorse almeno due ore dall’ultima volta che avete mangiato. Il decimo giorno di programma iniziate la nuova dieta (descritta nel capitolo 6), avvicinandovi lentamente e dolcemente a un regime alimentare completo e sano. Masticate a lungo e con cura, poiché una masticazione accurata rappresenta il primo passo del processo digestivo ed è fondamentale per mantenere il colon in buona salute. Prestate attenzione alle combinazioni alimentari, altro fattore importante. Continuate per 90 giorni la cura antiparassitaria Clear ed Experience per garantirne la completa eliminazione.
Ripetetela due volte all’anno, per mantenervi sempre liberi da ospiti indesiderati. Alcuni preferiscono mantenere la dose quotidiana di due capsule di Clear; questa rappresenta anche una buona prevenzione in caso di viaggio. Sottolineiamo comunque come questi rimedi non possano prescindere da una corretta alimentazione per la prostata.

ALTRE FORME DI DEPURAZIONE

Il Gerson Institute di Bonita, California, e altre cliniche propongono soggiorni con efficaci cure depurative. Il dott. Lee Cowden accoglie pazienti a Dallas, Texas, per una terapia di sette giorni; nel suo programma si aggiunge all’acqua utilizzata per le lavande coloniche una certa quantità di ozono, che faci lita notevolmente la rimozione di scorie, parassiti e funghi tramite l’iperossigenazione dell’intestino e dell’intero organismo. A mio parere questa terapia, che comprende anche un lavoro in ambito emotivo, è la migliore che esista.
Se non siete disposti a digiunare o non ve ne sentite in grado, potete provare altri sistemi. A me però sono sembrati più lenti e meno utili, oltre a presentare forse più difficoltà del digiuno. Qualche beneficio comunque lo apportano. Preparazioni erboristiche come “Rise and Shine” depurano senza digiunare (io però ho sofferto di mal di testa e ho trovato la disintossicazione meno completa che con il digiuno risolutivo). Anche l’omeopatia può essere utile per depurare il colon e tutto l’organismo. Queste cure, però, non liberano completamente dai parassiti che tutti noi abbiamo; vi consiglio vivamente di provare il mio programma almeno per un giorno e di verificarne l’efficacia e la facilità.
Avete ora iniziato il processo di pulizia del colon, di eliminazione dei parassiti, di ristabilimento dei corretti livelli di PH cellulare e di depurazione dalle tossine fisiche ed emotive. Tutte le nove parti interessate -colon/intestino, sistema linfatico, parassiti, tossine, acidità, emozioni, dentatura, energia/aura/chakra e organi (compresa la prostata) – vengono purificate. Allo stesso tempo state rafforzando il sistema immunitario eliminando tutto il lavoro inutile in cui è stato costretto a impegnarsi. Continuiamo ora a irrobustire l’intero organismo apprendendo le corrette combinazioni alimentari e gli altri principi di una dieta salutare.

Il testo è tratto dal bel libro di L. Clapp “Guarire la prostata in 90 giorni”

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *